NAILS: Disavventure in casa WonderNails

domenica, aprile 02, 2017

Ciao a tutte!
Oggi vi volevo raccontare la mia ultima disavventura ungueale, e mostrarvi come l'ho risolta, o meglio: come la sto risolvendo.

Le mie unghie erano lunghe, limate a mandorla (più tendente all'ovale che a una vera mandorla), più o meno così:


Ebbene, vi risparmio il come, il medio sinistro subisce una rottura da entrambi i lati... piuttosto dolorosa in quanto da una parte la spaccatura è sotto il margine libero:


Nemmeno riesco a limarla dal dolore, so che molte di voi, smaltare o no, possono capirmi.
Prendendo il coraggio a due mani, la accorcio, in modo da evitare il più possibile altri traumi.

Ma le disgrazie non vengono mai sole...
Tenendo di default le unghie sempre lunghe, il mio iponichio (la porzione di pelle sotto il margine libero dell'unghia) cresce di conseguenza fisiologicamente e non posso limare troppo...
Quindi non riesco ad azzerare il margine libero per annullare almeno una delle due rotture.

Ebbene questa seconda rottura più piccola, decide di spezzarsi verticalmente lasciandomi un bellissimo scalino:


Ok, perfetto, di male in peggio, se già la mia unghia non fosse sembrata inguardabile, ora lo è di certo!!! GRRR!
Tutto ad un tratto ricordo il mio kit di acrilico EZFlow che uso da anni per fare i fiorellini in 3D che vedete QUI e QUI (con scarsi risultati perchè io e i pennelli siamo entità separate)


Ebbene...mi metto in modalità McGiver e senza tip nè nail form, senza le lime giuste (anche se ho quelle da semipermanente) e soprattutto senza le basi necessarie per sapere come lavorare bene l'acrilico, riesco a pareggiare lo scalino, e anche a ricoprire l'unghia in modo che l'altra spaccatura non mi faccia male e possa allegramente crescere fino alla lunghezza giusta.

Il passaggio in lampada è ovviamente per il colore (semipermanente)
Lo so, è uno schifo pazzesco T_T ma vi assicuro che dal vivo si nota molto meno.

Qui dopo 10 giorni
Ok...a parte la forma diversa...
Dopo due settimane, l'unghia è cresciuta e ho tolto la copertura per vedere come andava (avevo una paura folle che per un sollevamento potessi beccarmi la pseudomonas), la spaccatura è quasi arrivata al margine libero, dai che ci siamo!!!


Decido di coprire di nuovo e richiudere lo scalino.
In foto sembra sporca ma quella che vedete è la spaccatura (a sinistra) e la ricostruzione semitrasparente (a destra)
Ancora devo lavorare sulla struttura ma sempre senza attrezzatura sono...

Prima del clean-up...
E questo è il post manicure (uffi è ancora stortignaccolo)... spero abbiate comunque apprezzato lo sforzo di risolvere il disastro ^_^

Per questa skittle ho usato:
Indice e Mignolo: Essie In the Cab-Ana
Medio: Nails Inc. Hammersmith
Anulare: Kiko Mirror 623

Vi lascio il video per mostrarvi lo sbrilluccichio di hammersmith


A presto :)

You Might Also Like

14 commenti

  1. Beh, dai, almeno hai risolto! Io avrei accorciato tutto e aspettato quelle due settimane sbuffando come una vaporiera XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto già sbuffando magari. Ad oggi finalmente sono riuscita ad accorciarla di quasi tutto il margine libero. Resta il solito millimetro non limabile causa iponichio malefico...

      Elimina
  2. anche io quando mi capita ricostruisco in gel, almeno posso continuare a fare nail art! Se capita alla destra invece di solito la lascio com'è!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che brava! Sai usare il gel! Anche per me la destra è un po' "la mano sfigata", anche se in questo caso, fotografo quella perchè lei almeno è rimasta intatta ^_^

      Elimina
  3. Io le ho viste dal vivo e posso testimoniare che hai fatto un ottimo lavoro! :-)

    RispondiElimina
  4. Grande Alis... Più si fa più si impara no? Io vorrei comprare il kit di acrilico ad immersione 😍😍😍. Brava comunque, ottimo lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parlarmi di acrilico ad immersione...lo sto desiderando molto, ma mi intrippa anche il ProONE di Americanails... sono combattuta, molto combattuta. Ps. Grazie mille per il complimento

      Elimina
  5. beh, brava! :D
    io avrei tagliato tutte le unghie corte, incerottato l'unghia e avrei aspettato la ricrescita...ma questo perchè non ho nessun kit di acrilico nè mi dispiace avere le unghie corte (anzi, spesso quando le ho troppo lunghe mi stufo e "ricomincio da capo") :)
    Trovo tu abbia fatto un bel lavoro e sono contenta che la guarigione prosegua bene! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu in realtà fai la scelta giusta...soprattutto a livello estetico: unghie con così tanta differenza tra lunghezza e forma non si possono vedere ^_^
      Diciamo che ne ho approfittato per prendere dimestichezza con l'acrilico, che mi è sempre piaciuto.

      Elimina
  6. Accidenti, la foto della rottura mi ha fatto venire i brividi, immagino il dolore :-0
    Sei stata bravissima a sistemare con il fai da te, anche per evitare di peggiorare la situazione (il mio terrore in questi casi è che l'unghia rotta si impigli da qualche parte).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra smaltare ci capiamo. Infatti ora che ho tolto nuovamente l'acrilico, ed è rimasta una sola delle spaccature, ho l'ansia... mi sa che stasera ricopro di nuovo...

      Elimina
  7. Doloooooore! A me le unghie di spezzano quasi sempre sotto il margine, ma è per come sono fatte le mie unghie, che al naturale sono molto a punta/arrotondate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma non ti invidio, anche se adoro la forma, il fatto che tendano a spezzarsi "troppo in basso" mi spaventa. In questo caso però sono stata io che non ho fatto attenzione... ^_^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Subscribe